Cosa è il growth hacking e perché è utile alla startup?

Con il termine growth hacking si intende una delle tecniche più in voga del momento, soprattutto tra le start up e un processo veloce e durevole indispensabile proprio per chi ha un business in fase di start up.

La start up vincente necessita di un ottimo prodotto, un team eccellente, una grande capacità di adattamento, ma soprattutto di una strategia di marketing orientata ai risultati. In tal senso il growth hacking è utile per supportare lo sviluppo delle giovani aziende.

Una definizione di growth hacking

La definizione di growth hacking nasce nel 2010 ad opera di Sean Ellis che menziona questa strategia come chiave per la crescita di PMI e strumento per aiutare le grandi aziende a far crescere il business. In tal senso si può definire il growth hacking come una filosofia d’azione e un processo di sperimentazione rapida per trovare vie efficaci per far crescere il business.

L’assenza di dati storici e di grandi budget rendono il growth hacking particolarmente adatto alla start up, che fa forza su concetti come innovazione, scalabilità e ripetibilità dei risultati. Il growth hacking è la tecnica vincente quanto il tempo è poco, i fondi sono limitati e la concorrenza è alta, ma non solo.

Il growth hacking è creativo e adattabile e proprio la capacità di mutare e adattarsi è una delle skill fondamentali della start up e della giovane impresa che deve raggiungere la scalabilità e definire metodo che si ripetano nel tempo. Fare growth hacking significa anche imparare dagli errori passati e raffinare le tecniche di marketing in uso per restare competitivi non solo nel breve, ma anche nel lungo periodo.

Per questo sono sempre più gli specialisti di questa materia che si propongono di aiutare le aziende, in particolare le start up, nel difficile compito di avere successo online e offline.

Web design: le tendenze dell’email marketing

Oggi esploriamo quelle che saranno le tendenze 2022 dell’email marketing in modo da creare campagne che permettano di incrementare le vendite e email con buoni tassi di apertura e CTR. Vediamo quali sono.

1. Utilizzo della grafica 3D

Le immagini ottimizzate nella email sono un elemento fondamentale, ma nel 2022 la grafica 2D sarà sostituita dalla grafica 3D in modo da dare alle email una dimensione nuova e attuale. Grazie al design 3D si possono mettere in evidenza prodotti i servizi con una prospettiva completamente diversa.

2. Usare design minimalisti

Nel 2022 la parola d’ordine del design delle email sarà minimalismo, per soddisfare le esigenze di utenti bombardati da messaggi e annunci pubblicitari e troppo stanchi per leggere email con contenuti pesanti.

Ecco perché la tua campagna di email marketing deve comprendere grafiche semplici e colori gradevoli in modo che gli iscritti alla lista facciano click per aprire la mail. Ricorda: design semplice non significa minore creatività, ma sperimentazione di nuovi colori, caratteri e grafiche sempre con l’obiettivo di aumentare le vendite.

3. Campagne automatizzate e molto personalizzate

Nel 2022 l’email marketing userà le tecniche della psicologia per aumentare il tasso di apertura delle email. Si tratta anche di personalizzare il messaggio per convincere il cliente ad acquistare i prodotti, dando vita a email iper-personalizzate e che assicurino risultati davvero sorprendenti.

La creazione delle campagne di email marketing deve partire dall’analisi di dati e comportamenti di navigazione dell’utente per creare contenuti rilevanti.

4. Tipografia creativa

La tipografia è alla base dell’arte stessa e nel 2022 le parole diventeranno immagini capaci di combinare animazioni e forme diverse per fare in modo da attrarre il lettore. La tipografia del futuro non sarà una sequenza di caratteri, ma il vero fulcro della email, capace di distinguere l’azienda dai concorrenti.

Queste sono a mio parere le caratteristiche del web design nell’email marketing del 2022, ma sono curiosa di sapere anche la tua opinione!

Ecommerce: la descrizione dei prodotti

Il miglior modo per generare vendite e conversioni sull’eCommerce è creare una descrizione prodotti che converte e da inserire in un’ampia strategia di copywriting e content marketing che porti i clienti a concludere l’acquisto.

L’obiettivo della migliore descrizione dei prodotti è fornire ai clienti una ragione valida per investire in un prodotto o servizio. Non solo: le informazioni contenute nella descrizione dei prodotti permettono anche di fornire al cliente una panoramica su caratteristiche e vantaggi del prodotto offerto.

I vantaggi di una descrizione prodotti accurata

Scrivere in modo accurato la descrizione dei prodotti permette di aumentare conversioni e vendite e aiuta il cliente a prendere la decisione di acquisto. Mettere nella descrizione passione, informazioni e contenuti persuasivi significa lasciare il cliente soddisfatto. Vediamo come fare.

1. Definire il profilo degli acquirenti

Il miglior modo per scrivere una buona descrizione è definire il profilo dell’acquirente potenziale di un dato prodotto o servizio, la cosiddetta buyer personas. Chi scrive per un numero di acquirenti variegato rischia solo di fare confusione e non rivolgersi a nessuno e per questo ogni contenuto deve rispondere alle domande e parlare a una determinata nicchia di persone.

2. Aggiungere funzionalità e vantaggi del prodotto

Conoscere la buyer personas è essenziale, ma altrettanto importante e sapere quali sono motivazioni e preoccupazioni del cliente che lo portano all’acquisto. Solo così si completerà il contenuto con vantaggi e funzionalità che motivano l’acquisto.

3. Usare un tone of voice che identifichi l’azienda

Molto importante è il tone of voice del brand, che va rispettato anche nelle descrizioni del prodotto. Chi ha un brand giovane e frizzante deve creare testi in questo senso, mentre il brand ironico può aggiungere ironia alle descrizioni e quello sensuale dovrà rimanere tale anche nella creazione di testi per l’ecommerce.

In conclusione, creare la scheda prodotto che converte non è facile, ma per questo puoi affidarti a specialisti come Comunicare Social Media o, se preferisci fare da solo, iscriverti al mio corso in Content Marketing proposto su Lezione-Online.it. In ogni caso è bene avere le competenze giuste per catturare l’attenzione del cliente, coinvolgerlo e portarlo all’acquisto.

Fare lead generation con il blog

Il blog non è solo uno dei migliori strumenti a disposizione dell’azienda per raccontare il proprio prodotto o servizio e per risolvere i problemi del pubblico di riferimento, ascoltando le sue esigenze.

Oggi più che mai il blog è uno strumento per fare lead generation e trovare contatti di potenziali clienti, proprio come si fa con le campagne su Google o sui social media come Linkedin o, ancora, su piattaforme come Viadeo. Vediamo in breve come fare, ricordandoti che sono sempre a disposizione per consulenze e consigli.

  1. Conosci il tuo pubblico

Per trovare lead ovvero contatti di potenziali clienti con il tuo blog devi innanzitutto conoscere il tuo pubblico e le sue esigenze. Per farlo puoi usare gli strumenti per la keyword research, che ti aiuteranno a creare le buyer personas a cui il tuo blog si rivolge.

  1. Crea contenuti di valore

Una volta individuato il pubblico di riferimento, potrai cominciare la tua attività di creazione di contenuti di valore per intercettare le persone da trasformare in clienti e invitarle a chiedere una consulenza, iscriversi ad un evento oppure scaricare una demo.

In questo caso è fondamentale creare post capaci di comparire sulla prima o al massimo la seconda pagina su Google e di portare traffico al sito web: un’attività possibile solo con un piano editoriale ed un calendario editoriale ben studiati. Il segreto è unire le esigenze del tuo pubblico con le tendenze di settore, senza dimenticare l’analisi della concorrenza e delle fonti di riferimento per il tuo business.

Un buon contenuto è, inoltre, un contenuto di qualità, curato nei minimi dettagli e proprio per questo capace di diventare virale online: dalla scelta del font alle immagini, tutto deve dare l’idea di uno spazio professionale.

  1. Racconta chi sei

Una delle pagine più importanti del blog è proprio la pagina About Me, ovvero il Chi Siamo dei siti aziendali, in cui il professionista ha la possibilità di raccontare chi è ai suoi lettori e l’azienda di spiegare la sua storia, la sua mission e la sua vision.

Il consiglio: non creare una pagina con l’elenco dei risultati raggiunti, non scrivete descrizioni lunghe e complesse, ma concentrarsi semplicemente sulle competenze che possono aiutarti a conquistare il potenziale cliente.

Completa la pagina con un titolo efficace, che racconta chi sei e come puoi essere utile al lettore. Infine formatta il testo e correda il tutto con una tua fotografia personale. Non è semplice, vero?

Questi sono solo tre consigli utili a chi muove i primi passi nella creazione e gestione del suo blog personale, ma se vuoi approfondire l’argomento ho creato per te il corso in Content Marketing, da seguire comodamente online. Buono studio!

 

3 motivi per usare i Facebook Ads per il Local Marketing

Oggi complice la pandemia e il lockdown le persone preferiscono gli acquisti sotto casa e i prodotti locali. Questo si traduce in un’opportunità immensa per i commercianti, che devono saper usare gli strumenti del marketing digitale per fare local marketing.

Tra questi un ruolo fondamentale è svolto dai Facebook Ads, usati dalla maggioranza delle aziende per raggiungere il pubblico di riferimento.

Quali sono i vantaggi di Facebook Ads per il marketing locale

Come detto Facebook Ads è il migliore alleato per il marketing locale, ecco 3 motivi.

1. Strumento semplice e veloce

Per fare local marketing è importante usare uno strumento semplice e veloce, su cui investire un budget alla portata di tutti, anche del negozio sotto casa o della piccola impresa. Basta aprire una pagina Facebook e corredarla delle informazioni essenziali per fare pubblicità sul social media e aumentare l’awareness e le conversioni.

2. Pubblico mirato

Grazie a Facebook Ads gli annunci sono targetizzati e avere una buona base di fan sulla pagina permette al social media di conoscere il pubblico dell’azienda meglio dello stesso imprenditore. Per questo Facebook Ads è ideale per rivolgersi a una precisa nicchia di mercato, che ha la maggiore possibilità di ottenere conversioni grazie agli strumenti di targetizzazione per interessi e geolocalizzazione.

3. Retargeting

Facebook è efficace anche per recuperare i clienti entrati in contatto con l’azienda, ma che non hanno compiuto azioni sul sito. In questo caso sono utili le campagne di retargeting, che coinvolgono chi ha visitato il sito web o la pagina Facebook a 30, 90 o 180 giorni.

Il retargeting mantiene l’utente coinvolto e coinvolge anche i visitatori del passato assicurando all’azienda un alto ritorno sull’investimento dato che si parla ad un pubblico che ha già mostrato interesse per un’attività, prodotto o punto vendita.

Grazie ai Facebook Ads anche il negozio e l’attività locale ha modo di accedere alle opportunità offerte dal digital marketing investendo un budget alla portata di tutti e rivolgendosi in modo mirato al proprio target. Contattami per maggiori informazioni e per studiare la tua personale strategia di local marketing.