Strumenti e strategie per promuovere un ecommerce con Instagram

Oggi tutte le aziende hanno capito l’importanza di fare Instagram marketing per raggiungere un target specifico, soprattutto quello dei giovanissimi ma anche le opportunità che Instagram offre per fare personal branding, generando un ritorno concreto. Oltre a questo la piattaforma ha creato e messo a disposizione nel tempo tool specifici per l’ecommerce, settore in costante crescita.

Sempre più persone, infatti, acquistano online e soprattutto da mobile basti pensare che il 96% degli americani è oggi un online shopper e anche un acquisto fisico conta oggi numerose tappe sul web. Il 60% delle persone dichiara poi di aver scoperto prodotti e servizi proprio su Instagram sui canali dei brand o grazie ai post degli influencer e il 72% ha poi completato l’acquisto.

La capacità di chi vende online sta però nell’alternare post promozionali con post conversazionali in grado di attirare l’interesse della fanbase e contribuire alla creazione di una vera e propria community.

Consigli per usare Instagram al meglio

L’estetica è alla base dell’utilizzo di Instagram e grande cura va messa nelle immagini utilizzate, trovando un linguaggio visivo che condensi storia, mission, vision e valori del brand portando l’utente all’azione dato che il cervello umano funziona con le regole del visual processing.

Senza dimenticare però il giusto testo che associato all’immagine incrementa del 600% la possibilità che il contenuto resti impresso nella mente del consumatore. Instagram va quindi curato proprio come le schede prodotto dell’ecommerce, con descrizioni accattivanti per ogni post in grado di andare oltre lo storytelling di marca ma che diano, attraverso le emozioni, l’idea di urgenza e esclusività. Il tutto completato da una call to action chiara come “Acquista ora!”.

Utilizzare gli shoppable post e altre funzionalità

Instagram offre anche delle caratteristiche specifiche per gli ecommerce come i Boosted post, gli Instagram Ads e altre funzionalità a pagamento che vanno oltre i post organici. Inoltre si possono utilizzare i shoppable post, trasformando i post tradizionali in post con un pulsante Compra Ora per fare l’acquisto senza uscire dal social.

Oltre  a questo chi ha un account Facebook può taggare i prodotti su Instagram e l’utente può ricevere tutte le informazioni con un semplice tap sul tag, procedendo se interessato ad acquistare il prodotto. Si tratta di una bella alternativa al tradizionale catalogo online ed è molto utilizzata dai brand della moda che suggeriscono outfit, look e tendenze ai loro fan.

Senza dimenticare le Stories che permettono di inserire link cliccabili anche in contenuti temporanei come offerte, sconti e promozioni speciali.

Un approfondimento sul Tag Shopping su Instagram

A marzo è arrivato anche in Italia il nuovo tool per Instagram con cui le aziende possono inserire nei post prezzo e link alla scheda prodotto per agevolare l’acquisto direttamente dal post organico sul social. E’ sicuramente una funzionalità interessante per chi ha un sito ecommerce e in particolare per chi si occupa di moda e si tratta di uno strumento gratuito disponibile per i profili Business, che possono ad oggi taggare solo prodotti fisici e non ancora servizi.

E’ sufficiente creare il post e caricare l’immagine aggiungendo un tag shopping che permetterà di vedere la descrizione dell’oggetto e il link per acquistarlo. Naturalmente l’account Instagram deve soddisfare alcuni parametri:

  • Vendere beni conformi alle normative Instagram
  • Avere sede in Italia, Stati Uniti, Regno Unito, Australia, Canada, Francia, Germania, Spagna o Brasile
  • Avere un account aziendale su Instagram associato a un catalogo Facebook (vetrina o catalogo in Business Manager)

 I vantaggi del Tag Shopping

Con il tag shopping l’utente può raccogliere tutti i prodotti taggati e acquistarli sul sito del brand senza cercarlo online e l’azienda può aumentare facilmente le conversioni. Si tratta, infatti, di un’esperienza immersiva e non un semplice strumento di vendita. Ad esempio la descrizione del prodotto può rispondere alle logiche inspiring della piattaforma.

E voi utilizzate il tag shopping? Quali strategie adottate per vendere su Instagram? Raccontatelo nei commenti!

Leggi anche:

Novità dell’estate per le Instagram Stories

7 Tool per analizzare i dati su Instagram

 

 

 

Novità dell’estate per le Instagram Stories: vediamo quali sono

Oggi persone di ogni generazione, dai bambini agli adolescenti agli adulti guardano nell’arco della loro giornata le Instagram Stories, che da questo mese sono ancora più forti di prima. Tra le novità dell’estate 2018 abbiamo la collaborazione con Spotyfy e quella con GoPro, oltre alla nuovissima funzione “Esplora”. Vediamole tutte in questo post.

Instagram al momento segnala all’utente quando trascorre troppo tempo sulla piattaforma anche se le novità in arrivo, a partire dalla videochiamata, renderanno la cosa davvero difficile. Ta le nuove funzionalità ricordiamo:

  • L’apertura diretta dell’app Instagram da Facebook
  • L’integrazione di una emoji bar e del pulsante @ nella sezione commenti
  • La possbilità di condividere una storia di Instagram direttamente su Facebook con un apposito pulsante

Musica nelle Stories

La collaborazione con App come Spotify e GoPro permette di inserire foto e video dalla fotocamera di Instagram, modificarli nell’applicazione, aggiungerli alla storia o inviarli tramite messaggio diretto. Quando il follower vedrà la storia potrà riprodurre il contenuto anche su Spotify, la nota piattaforma di musica in streaming.

Come sfruttare al meglio le Instagram Stories

Una ricerca pubblicata su Social Media Today mostra come le Stories vengano maggiormente visualizzate tra le 12 e le 19 e poi tra le 20 e le 24 quando l’utente può concedersi un momento di relax scrollando i feed dei social.

Importante anche la durata, dal momento che oggi tutti cercano qualcosa che sia Smart e il punto di forza delle Stories è che sono meno impegnative del post in bacheca.

Infine su Instagram vince l’influencer marketing con una particolare attenzione agli influencer verticali rispetto a quelli orizzontali.

Arriva lo sticker “Domande” nelle Instagram Stories

La news è davero recente e lo sticker è già attivo su moltissimi account per creare delle domande nelle Stories pubblicate su Instagram e rendere la comunicazione con i follower più interattiva e divertente. Basta caricare la foto o il video, scegliere lo sticker e la domanda, posizionarlo e pubblicare il contenuto.

Si può poi decidere di rispondere alle domande facendo click sopra le views e creando una nuova storia per ogni risposta data ai follower, anche se solo noi vedremo chi ha fatto la domanda. L’obiettivo è quello di creare una community e aumentare l’interazione con i follower. Per chi non lo sapesse gli altri sticker oggi disponibili sono:

  • Sondaggi
  • Emoji slider

Lo sticker è disponibile su iOS e Android.

Ecco perché sempre più questo strumento sarà fondamentale nelle strategie di web marketing e nei piani di sviluppo di Instagram, che già lo posiziona in cima alla HomePage. Naturalmente si tratta solo delle prime novità che il social network ha in serbo per utenti e aziende. Restiamo in attesa delle altre!

 

 

 

I 10 benefici dell’utilizzo dei social media in azienda

Oggi le persone che utilizzano i social media interagiscono con i brand molto più che in passato e si tratta di un pubblico potenziale di circa 3 bilioni di persone. Non trarre vantaggio significa perdere importanti opportunità di crescita per l’azienda. Ecco 10 benefici dell’utilizzo dei social media in azienda.

  1. Entrare in relazione con le persone

I social media sono la voce dell’azienda e molte persone prima di acquistare guardano i profili e cercano le opinioni degli altri consumatori online. Il brand è davvero affidabile? Il prodotto o servizio sono validi? Ecco alcune delle domande che gli utenti si pongono ogni giorno.

Più l’azienda riesce a entrare in relazione con le persone, più tali clienti soddisfatti diventeranno testimonial involontari del brand.

  1. Gestione della reputazione

Che vi piaccia o no le persone parlano ogni giorno dell’azienda e se state lavorando sui social media nel modo corretto avrete sicuramente a vostra disposizione una piattaforma di social listening per monitorare ogni community e spazio online.

Ecco un tool gratuito che può esservi davvero utile: http://socialmention.com/

  1. Trasformare l’azienda in un leader di settore

Le persone come abbiamo visto comprano da chi conoscono e grazie ai social media ogni azienda, anche la più piccola, può diventare un leader nel suo settore. Il consiglio è quello di divulgare contenuti che interessino l’utente e non solo puntino alla vendita di prodotti e servizi: essere sui social significa essere d’aiuto e coinvolgere la community. Se la focalizzazione sarà sull’offrire soluzioni, le persone si fideranno di voi, di quello che dite e di conseguenza acquisteranno quello che proponete loro.

  1. Convogliare traffico verso il sito web

Le persone possono informarsi dai social media e dalle campagne online ma solo sul sito web troveranno informazioni complete e l’attività di social media marketing deve essere orientata a generare traffico sul sito.  Un esempio? Pinnare i post in alto per evidenziare una landing page o un’offerta speciale che i fan e follower devono assolutamente conoscere.

  1. Generare contatti

I social media sono un ottimo modo per trovare potenziali clienti interessati all’azienda, al prodotto o al servizio offerto. La lead generation è uno dei principali vantaggi che nascono dall’usare i social media in azienda e esistono speciali campagne studiate appositamente per generare contatti, ad esempio su Facebook.

  1. Fare social selling

I social media generano vendite, altrimenti non sarebbero d’interesse per le aziende e offrono al team di marketing e vendite la possibilità di entrare in relazione con le persone e costruire un network. Una presenza attiva permette al brand di entrare nella mente del consumatore e farsi ricordare quando l’utente sarà pronto all’acquisto.

Approfondisci il tema qui.

  1. Coinvolgere il cliente

I social media permettono sia di interagire con chi  è già fan del brand sia trovare nuovi fan e il segreto del successo è offrire alla community quello che cerca, pubblicando contenuti interessanti e rispondendo rapidamente a commenti e domande.

  1. Ottimizzare il Customer Service

Un’altra ragione per cui l’azienda potrebbe decidere di attivarsi sui social media potrebbe essere per ottimizzare il customer service offrendo risposte immediate e aiutando i clienti attuali e potenziali a risolvere i loro problemi.

  1. Scoprire di più sui clienti

Le persone sui social media lasciano una quantità notevole di dati che possono essere usati dall’azienda per prendere decisioni di marketing o strategiche sulla base di ciò che gli utenti cercano. Il consiglio è analizzare con attenzione ogni dato che le piattaforme social offrono, utilizzandoli per comunicare nel migliore dei modi al  proprio target.

  1. Studiare i competitor

Oggi è importante sapere anche cosa le persone pensano dei competitor, ad esempio tracciando le menzioni e individuando i punti di forza e di debolezza dei loro prodotti e servizi. Quanto sono veloci nel rispondere ai clienti? Riescono a risolvere i loro problemi?

Naturalmente questi sono solo alcuni dei vantaggi che l’azienda può ottenere con una presenza attiva e curata sui social media, in ogni caso l’approccio deve essere sempre di tipo strategico.

 

7 tool per analizzare i dati su Instagram

Per chi si occupa di marketing i dati rivestono un ruolo fondamentale e il social media marketing non è diverso, sia si tratti di analizzare i Facebook Insight sia si debba monitorare l’andamento di una campagnae analizzare i dati su Instagram.

Solo un’attenta analisi dei dati permetterà, infatti, di ottimizzare l’attività di marketing online e raggiungere gli obiettivi individuati nel minor tempo possibile e con il minore investimento.

Purtroppo l’ app di Instagram in molti casi non è sufficiente a fornire dati in abbondanza per una seria campagna di marketing e per questo voglio suggerirvi 7 tool da provare per analizzare i dati su Instagram. Con il recente cambiamento delle Instagram API molti tool che lavoravano bene fino al 2017 non funzionano più e questo è l’elenco aggiornato al 2018. Continua a leggere

7 consigli per migliorare i vostri Facebook Ads

I Facebook Ads sono oggi uno strumento davvero efficace a patto di conoscere ogni dettaglio dell’azienda e del target a cui si rivolge e quindi come per ogni attività di marketing necessitano di un piano di marketing specifico.  Diversi sono i motivi per cui una pubblicità su Facebook può non funzionare, ma qui voglio indicarvi 7 trucchi per ottimizzare ogni vostro annuncio. Vediamo quali sono. Continua a leggere