Email marketing: come fidelizzare i clienti

In questo nuovo contenuto breve voglio ribadire il ruolo e l’importanza dell’email marketing nella fidelizzazione dei clienti.  Chi ha già acquistato può essere maggiormente interessato a provare nuovi prodotti, ma come fare per fidelizzare i clienti occasionali? Come convincere qualcuno ad acquistare nuovi prodotti?

Lo strumento ideale è l’email marketing, efficace e personalizzabile e che assicura un ritorno del 40%, dato che la comunicazione arriva direttamente nella casella di posta e cattura l’attenzione del cliente. Vediamo alcuni consigli utili.

1. Raccogliere indirizzi email validi

La base per fare email marketing è la lista di contatti interessati ad un’offerta, ad esempio, gli indirizzi email di chi ha già effettuato un acquisto nel negozio online o offline. I dati email possono essere usati per inviare newsletter ed è importante avere a disposizione un database sempre nuovo.

Il consiglio in più è evitare di acquistare database, dato che per l’invio della newsletter è necessario il consenso alla privacy policy attraverso una procedura di double opt-in. Inoltre, si può approfittare degli eventi offline per ottenere iscrizioni alla newsletter, mostrando i vantaggi di questa scelta.

2. Inviare email automatiche

L’email marketing si basa sia sulla newsletter, sia su email automatiche da inviare ai clienti sulla base di un comportamento di acquisto o interazione sul sito web. In ogni caso il contenuto giusto deve arrivare al momento giusto.

Pensiamo, ad esempio, alla email di benvenuto da scrivere con un linguaggio amichevole, ma allo stesso tempo professionale, agli auguri di compleanno e alle email appositamente pensate per risvegliare i clienti inattivi, proponendo prodotti simili a quelli già acquistati.

3. Chiedere un feedback ai clienti

Il momento migliore per fidelizzare i clienti è quello successivo alla prima interazione sul sito aziendale, quando il cliente ha maggior bisogno di comunicare le sue necessità e bisogni.

Questo è il momento di chiedere feedback e pareri per migliorare costantemente i propri prodotti e servizi. La partecipazione del cliente può essere premiata con una particolare promozione e sconto.

4. Inviare contenuti personalizzati

Una email per essere efficace deve essere rilevante e rispondere agli interessi, necessità e gusti dei destinatari. Ogni cliente è diverso e ha modi diversi di interagire con l’azienda, che deve farlo sentire speciale.

La personalizzazione dei contenuti è il punto di forza dell’email marketing, a partire dall’inserimento del nome e cognome nel saluto iniziale fino all’offerta di prodotti basati sul comportamento d’acquisto. L’email vincente è quella che crea con il destinatario un’interazione simile a quanto avverrebbe di persona.

Fidelizzare i clienti con l’email marketing deve essere l’obiettivo di ogni azienda, piccola e grande, dato che soddisfare le esigenze di un cliente già acquisito costa meno e rende di più rispetto alla ricerca di sempre nuovi clienti. E tu, stai già usando l’email marketing per la promozione dei tuoi prodotti e servizi? Se sì, come?

Sito per PMI: le caratteristiche

Se sei il titolare di una PMI probabilmente ti avranno detto che non puoi non avere un sito web, ma quali sono le caratteristiche del sito per PMI? Il mio consiglio è lasciar fare all’agenzia di web marketing anche se devi conoscere gli elementi da tenere in considerazione quando si parla di realizzazione siti web.

Definire l’obiettivo da raggiungere

Il sito web della grande azienda e il sito web monopagina dell’artigiano hanno caratteristiche e obiettivi ben diversi e nel secondo caso è importante affiancare una scheda su Google My Business per farsi trovare sulle mappe. L’importante è definire con chiarezza quali sono gli obiettivi del sito web.

Hosting di qualità e dominio

La seconda cosa da fare quando si sceglie di realizzare un sito web è affidarsi a un hosting di qualità, che eviterà che il tuo sito sia poco performante o vada spesso online. Non solo: anche la velocità di caricamento del sito dipende dalle caratteristiche dell’hosting e un buon spazio web per la PMI costa dai 50 agli 80 euro all’anno.

Tra i punti essenziali del sito c’è il dominio, che deve essere comprensibile e rappresentare la tua azienda.

La scelta del CMS

Il sito web deve essere tuo e per questo puoi scegliere tra tanti CMS (WordPress, Joomla, Drupal). Sicuramente WordPress rappresenta la soluzione più comune, dato che non ti lega per sempre all’agenzia e ti permette di lavorare in autonomia sul tuo sito web. Infine, meglio evitare le piattaforme gratuite, ideali solo per chi cerca un blog senza impegni commerciali.

L’importanza di puntare su velocità e sito mobile friendly

Ogni sito web, anche quando si tratta del sito di una PMI, deve essere veloce da caricare e mobile friendly. Questo significa non solo avere un tema responsive, ma anche fare in modo che la navigazione tra pagine e contenuti sia semplice anche da mobile.

Conclusioni

In questa breve pillola dedicata al sito web per PMI ho elencato le caratteristiche essenziali del sito efficace, ricordando che è importante lavorare in modo eccellente se non si vuole trasformare la realizzazione sito web in una perdita di tempo.

Non avere un sito equivale a non esistere, dato che oggi tutti cercano aziende, prodotti e servizi online.

.

.

Perché non devi rinunciare ai post di Google

Oggi gli annunci Google My Business (GMB) sono un importante fattore di ranking locale per le aziende e mantenere le schede di Google My Business aggiornate con contenuti sempre nuovi aumenta la possibilità di comparire tra i risultati di ricerca su Google.

Concentrarsi sui post di Google vale quindi il tempo e le energie di un professionista di web marketing? Sicuramente si tratta di un modo efficace per attrarre traffico organico qualificato, in un contesto in cui è sempre più importante pagare per avere visibilità online.

Qualche parola sui post di Google

I post di Google permettono alle aziende presenti su Google My Business di pubblicare annunci, offerte, aggiornamenti e altri contenuti integrati con immagini, GIF e video e il contenuto è inserito nella scheda con le informazioni sull’attività commerciale, comparendo sia sui risultati di ricerca Google, sia su Google Maps.

La funzionalità è presente da diverso tempo e in particolare dal 2016 ed è davvero interessante per fare marketing geolocalizzato, permettendo di aggiornare la scheda con contenuti dinamici come eventi, offerte e promozioni: oggi i post di Google stanno diventando sempre più importanti in quanto Google My Business ha acquisito rilevanza ai fini della ricerca locale.

Il tutto anche se di recente i Google Post sono stati spostati sul fondo della scheda informativa, probabilmente per l’intento di Google di portare le aziende ad acquistare contenuti a pagamento e difendersi dalla “invasione” di Amazon Advertising.

Perché consiglio di usare i Google Post.

  1. I post di Google sono una componente importante nella scheda Google My Business delle aziende, soprattutto per la ricerca locale e oggi gli elenchi GMB sono il principale fattore d ranking locale. Pubblicare contenuti aggiornati permette di farsi trovare più facilmente online.
  2. I post di Google sono un elemento chiave della tua strategia di web marketing se vendi servizi di alto livello e devi creare una relazione a lungo termine con i consumatori e lo sforzo per creare un post su Google è davvero minimo.

Il consiglio in più è quello di usare i post con intelligenza, ecco qualche esempio concreto:

  • Proponi un messaggio già pubblicato sugli altri canali online: è il modo più produttivo per attirare nuovi clienti, mantenendo una coerenza di fondo;
  • Utilizza Call to Action chiare e decise pubblicando un URL per portare i visitatori sul tuo sito web;
  • Compila tutti i campi del post su Google (data, indirizzo, numero di telefono) e crea contenuti che i visitatori possano recensire e votare per rendere più interessante la tua scheda su Google My Business.

Utilizzare i Google Post è ancora importante e ogni azienda dovrebbe valutare il lifetime value di ciascun cliente attratto sul sito per comprendere il costo effettivo in termini di produttività di questo strumento. Vedrete che aggiornare la scheda di Google My Business con contenuti sempre nuovi è un lavoro capace di portare risultati concreti.

 

Usare le recensioni per creare nuovi contenuti

Pochi lo sanno ma il meccanismo della riprova sociale è uno di quelli che funzionano maggiormente online e per questo il mio consiglio è quello di usare le recensioni per scrivere nuovi articoli e contenuti per il sito web o il blog aziendale.

Tramite una buona recensione, infatti, non solo si attiva il meccanismo della riprova sociale, ma si può usare l’approvazione ricevuta dai clienti per generare nuovi contatti e vendite per la tua azienda. Quando un cliente lascia la sua recensione online, fornisce informazioni importanti al servizio clienti, ma anche al web marketer sempre alla ricerca di nuove idee per nuovi contenuti. Vediamo in breve come fare.

Controllare la SERP per “scovare” nuovi contenuti

Il modo migliore per fare brand awareness online è lasciare che siano i contenuti degli altri a parlare della tua azienda, del tuo prodotto e del tuo servizio, ovvero gli UGC user generated content. Si tratta di contenuti appositamente creati su Tripadvisor o Trustpilot che si posizioneranno ai primi posti su Google e attiveranno il meccanismo della riprova sociale, ovvero la spinta inconscia dell’utente a fidarsi delle opinioni altrui.

Usare le recensioni per scrivere nuovi contenuti

Usare al meglio le recensioni significa scrivere contenuti, osservazioni e consigli che le racchiudano e impostarli nel piano editoriale per i clienti. Si tratta in particolare di usare le recensioni negli articoli del blog secondo il formato della case history ovvero secondo lo schema:

  • problema
  • soluzione
  • vantaggi

in cui il tuo prodotto o servizio è la risposta vincente alle esigenze del cliente.

Creare video recensioni per convincere l’utente

In alternativa si possono usare le molto apprezzate video recensioni, da inserire in una pagina dedicata del sito web e sulla landing page che porterà l’utente alla conversione finale. Abbinare la forza della riprova sociale al potere del contenuto visivo è il modo migliore per ottenere risultati in tempi brevi.

Se ancora non usi le recensioni nella tua strategia web è il momento di cominciare a inserirle nel calendario editoriale e, più in generale, nella tua strategia di content marketing per rispondere ancora meglio alle esigenze del tuo pubblico o completare il funnel dell’inbound marketing deliziando i clienti.

In poche parole, molto spesso vale molto più una buona recensione di un contenuto lungo e informativo, a patto di saper usare questo strumento con professionalità e buon senso, trasformandolo davvero in una risorsa utile per l’utente del web.

Facebook rimuove le restrizioni sulla percentuale di testo negli Ad

Di recente Facebook ha annunciato un importante update, ovvero la rimozione della percentuale massima del 20% di testo nelle immagini degli annunci a pagamento. Come spiegato da Matt Navarra, Facebook sta informando chi fa pubblicità sul social media spiegando che:

“…we will no longer penalize ads with higher amounts of image text in auctions and delivery.”

Per avere maggiori informazioni si dovrà attendere l’aggiornamento della pagina Help sul testo nell’immagine, che ad oggi non è ancora avvenuto, dato che si raccomanda di usare testi brevi, puliti e concisi per una maggiore efficacia del messaggio.

Cosa cambia con il nuovo update

Con questo nuovo update chi fa pubblicità su Facebook, Instagram e l’Audience Network potrà inserire una percentuale di testo nell’immagine superiore al 20%, anche se gli annunci con tanto testo nell’immagine potrebbero non essere approvati o performare peggio.

Viene abbandonato, quindi, anche l’uso del Text Overlay tool che permetteva di misurare la quantità di testo e allinearsi alla regola del 20%. Da qualche giorno lo strumento non è più disponibile per gli utenti.

Perché esisteva il limite di testo sulle immagini

Negli anni il social media ha notato come gli utenti di Facebook e Instagram non apprezzavano molto testo nell’immagine principale dell’annuncio e come questo elemento penalizzava la user experience generale sul social media. Già nel 2018, tuttavia, Facebook aveva avuto un’apertura permettendo agli inserzionisti di aumentare la quantità di testo.

Oggi, con il nuovo update, sparisce del tutto il limite del 20%, anche se, come afferma la stessa Facebook resteranno più performanti gli annunci con poco testo nell’immagine.

In poche parole, gli ads ricchi di testo saranno approvati e potranno raggiungere un buon numero di persone se inseriti in un progetto di marketing ben studiato.