I consigli per una campagna di email marketing efficace

Come far funzionare la propria campagna di email marketing, ma soprattutto evitare di finire nello spam con la tua newsletter o DEM? Ecco i miei consigli, adatti al libero professionista e alla PMI, ma anche alla grande azienda.

  1. Inviare contenuti davvero interessanti

I lettori abbandonano la tua lista di iscritti alla newsletter in modo particolare quando il materiale inviato non corrisponde ai loro interessi o quando la newsletter appare come la trasposizione online del classico volantino commerciale.

Naturalmente è importante vendere tramite le email, ma devi sforzarti di offrire valore e contenuti informativi se vuoi raggiungere davvero il tuo obiettivo e realizzare una campagna di email marketing efficace.

  1. Comunicare con costanza

L’unico modo per essere credibile online è comunicare con costanza. In questo modo potrai diventare una fonte autorevole e per farlo il consiglio è quello di lavorare sul lead nurturing. Prima di tentare la vendita attraverso la newsletter devi diventare una fonte di informazioni fondamentale per il tuo potenziale cliente.

Mandare una newsletter all’anno porta le persone a dimenticarsi di te e a farti finire nello spam.

  1. Profilare con cura i contatti

Il miglior modo per avere successo con una newsletter è fare attenzione a chi riceve il messaggio, analizzando la lista dei contatti e profilandoli con attenzione. Se invii la tua email a persone disinteressate il rischio di finire nella cartella spam è alto, per questo ti consiglio di segmentare le DEM e le campagne email, trasformandole in una vera risorsa per gli utenti.

  1. Fare attenzione a parole SPAM

Alcuni termini vengono letti dai filtri antispam e fanno arrivare la tua email nella casella della posta indesiderata. In particolare i programmi di posta elettronica bloccano le email che contengono parole come:

  • Gratis
  • Speciale
  • Free
  • Incredibile
  • Offerta/Sconto
  1. Ispirare fiducia nell’utente

La campagna di email marketing efficace è quella che rende immediatamente riconoscibile chi la invia, a partire dall’above the fold e dall’indirizzo del footer, proprio come avviene per il sito web. Oltre al testo, è importante usare i colori aziendali e il font del brand. Completerai poi la tua email con un tasto unsubscribe visibile e facile da raggiungere, in modo da evitare di essere etichettato come spam.

  1. Cura il contenuto in ogni dettaglio

Il miglior modo per evitare che la tua newsletter venga considerata spam è quello di curare il contenuto in ogni dettaglio, evitando l’eccesso di punti esclamativi e scrittura in maiuscolo. Si tratta, infatti, di un’attività tipica di chi fa spam e vuole gridare al mondo quanto la sua offerta sia unica e incredibile.

Inoltre, meglio evitare l’invio di email composte solo da un’immagine e scegliere un oggetto chiaro e non ingannevole.

Saper creare email che non finiscono nello spam quando si fa email marketing significa aumentare la visibilità del proprio prodotto e servizio, le conversioni e le vendite. Se seguirai questi pochi consigli potrai veder trasformare gli iscritti in utenti reali in poco tempo. Sei d’accordo? Quali suggerimenti aggiungeresti alla mia lista?

 

Come fare link building e ottenere backlink di qualità? 3 tecniche per te

Fare link building è essenziale per ogni strategia SEO dato che ottenere link di qualità genera traffico qualificato sul sito web. Rispetto a qualche anno fa, oggi è molto più difficile posizionarsi su Google data la competizione elevata, ma c’è un vantaggio: chi sa fare link building con competenza e professionalità può ottenere risultati importanti.

Quando si crea un progetto SEO per posizionare un sito web, costruire un buon sistema di link interni ed esterni è essenziale e in questo post voglio proporti tre tecniche che puoi usare da subito nella tua attività di web marketing.

Se, infatti, lavori in un settore ad alta competizione, allora puntare a scalare la SERP e raggiungere la prima pagina di Google solo con un contenuto di qualità è davvero difficile. Dovrai, quindi, ottenere backlink di qualità per dare valore alla tua pagina web o al post del tuo blog. Fare link building significa ancora oggi creare valore e va ben oltre l’acquisto di link a pagamento.

Cos’è il link building “naturale”?

Fare link building efficace significa andare oltre all’acquisto di link, una pratica che rischia anche di penalizzare il tuo sito web. Ecco perché nello studio delle campagne di link building devi privilegiare una attività di link building “naturale”: si tratta, in poche parole, di meritare i link come conseguenza diretta della produzione di contenuti di valore.

Chi fa SEO deve creare valore per gli utenti e, solo successivamente, lavorare a un piano di link building e a una strategia per ottenere link esterni studiata a tavolino.

Quanti backlink bisogna ottenere?

La domanda, in questo caso, non è tanto quanti backlink bisogna ottenere, ma come mantenere l’incremento dei link costante nel tempo. Se si lavora su un sito nuovo e appena pubblicato, allora l’attività di link building deve essere lenta e naturale, per far capire a Google che non si tratta di una tecnica artificiale ed evitare di incorrere in penalizzazioni.

3 tecniche di link building da usare subito nella tua strategia SEO

Vediamo ora quali sono tre tecniche di link building che puoi utilizzare subito nella tua strategia SEO per migliorare il posizionamento del tuo sito web su Google.

  1. Creare contenuti realmente di valore

Se il contenuto pubblicato online è di valore e risponde al search intent dell’utente, allora attirerai naturalmente backlink sul tuo sito web. Distinguiti nel tuo settore, crea contenuti con un taglio diverso dagli altri blog e vedrai che la tua creatività sarà premiata. In particolare presentati con una Unique Selling Proposition chiara e comunicala in modo semplice al tuo pubblico di riferimento.

  1. Sfruttare il principio di reciprocità

Pochi SEO, nel pianificare la loro attività di link building, pensano a creare link verso altri blog, sfruttando il principio di reciprocità.  Creare una relazione con altri blogger è un buon modo per portarli a visitare il tuo sito, lasciare commenti o linkare il tuo contenuto gratuitamente sul loro sito. Robert Cialdini definisce la reciprocità come uno dei sei principi della persuasione, quello basato sulla tendenza a sentirsi in debito con qualcuno.

  1. Realizzare interviste ad esperti

Pubblicare sul tuo blog un’intervista a persone influenti nel tuo settore e collaborare con gli esperti è uno dei modi migliori per ricevere condivisioni dell’articolo gratuite e magari link al tuo sito o blog. Naturalmente molto dipende dal tipo di domande che fai, dato che conta più la qualità della quantità e da un’unica buona domanda puoi ottenere materiale per scrivere diversi articoli.

Più la persona intervistata è conosciuta e competente, maggiori saranno i link e le visite che potrai ottenere e quindi la visibilità per la tua azienda, il prodotto o il servizio offerto.

Conclusioni

Come vedi fare link building è ancora oggi una tecnica efficace per posizionare in modo stabile il sito web su Google a patto che venga fatta con competenza e professionalità. E tu stai già utilizzando questa tecnica SEO? In che modo e con quali risultati? Raccontalo nei commenti!

4 tool per webinar e dirette live

Con l’emergenza Coronavirus è aumentata la richiesta e l’importanza dei tool per fare webinar e dirette live, dato che molte persone sono obbligate a lavorare da casa in modalità smart working.  La diretta live e il webinar diventa così il protagonista della formazione e delle riunioni online, ma quali sono gli strumenti più affidabili ed efficaci? In questo post ne ho individuati quattro, scopriamoli assieme.

Zoom

Non si tratta solo di uno dei migliori tool per fare webinar e videochiamate, ma anche di una tendenza in ascesa sia tra i professionisti del web marketing sia tra le persone comuni.

Questo strumento offre la possibilità di parlare per 40 minuti a un massimo di 100 partecipanti in forma gratuita e per questo è il tool più utilizzato da aziende e professionisti. I contatti invitati scaricano la app e accedono con un apposito link o chiamando il numero di telefono.

StreamYard

Chi vuole creare dirette in live streaming su Facebook, YouTube e Linkedin può utilizzare StreamYard, perfetto anche per le interviste doppie. La versione gratuita permette di far partecipare solo 6 persone, ma con i piani a pagamento le opportunità e le funzionalità sono maggiori.

Gotomeeting

Questo programma professionale circola sul mercato da anni ed è perfetto per organizzare webinar di alto livello ed eventi online in diretta. La piattaforma Gotomeeting offre la possibilità di fare vere e proprie videoconferenze con video HD e condivisione dello schermo, ma anche di registrare quello che viene trasmesso.

Demio

L’ultimo tool per webinar e conferenze online di cui ti voglio parlare è Demio, perfetto per rimanere in contatto con clienti, dipendenti, partner e fornitori anche quando si lavora da remoto o in modalità smart working. Il punto di forza di questo tool è la possibilità di essere utilizzato senza fare il download di un software e il pubblico che partecipa al webinar può seguirlo direttamente dal browser.

Non solo: l’organizzatore può caricare materiali e condividere lo schermo, per rendere l’esperienza ancora più coinvolgente e interattiva. Infine Demio si caratterizza per l’interfaccia pulita e la possibilità di personalizzare il webinar con il proprio logo.

Questi sono, a mio parere, i tool che devi assolutamente conoscere per fare webinar e dirette live. Cosa ne pensi? Li hai già utilizzati? Racconta la tua opinione nei commenti!

 

 

 

Lead generation ads: fare pubblicità senza avere un sito web

Forse non lo sai o non ci hai mai pensato, ma non è necessario un sito web per fare pubblicità online dato che Google, Facebook e Linkedin hanno i loro formati di advertising per la lead generation basati su un form interno. Vediamo come funzionano e quali sono i vantaggi.

 

Tutto parte dall’importanza dei dati, dal loro possesso e dal loro uso e questo è il punto di partenza che ha portato Facebook e poi Linkedin e Google ad introdurre i lead generation ads.

Cosa sono i lead generation ads?

Possiamo definire questo strumento di marketing come un formato che non richiede un sito esterno o una landing page di atterraggio, ma che prevede la compilazione di un form direttamente all’interno della piattaforma. In questo modo si va oltre la presenza di una conversione sul sito dell’inserzionista, non solo: in molti casi i form sono precompilati dato che la piattaforma possiede già nome, cognome e email e questo aumenta il tasso di conversione.

Quali sono i vantaggi dei lead generation ads?

Quali sono i vantaggi che hanno spinto Facebook, Linkedin e Google a introdurre un annuncio pubblicitario con un form interno?

Sicuramente possiamo dire che l’inserzionista e l’azienda ottengono vantaggi in termini di:

  • aumento delle opportunità delle conversioni per gli inserzionisti, soprattutto quando l’utente arriva al sito da mobile. In questo caso il form precompilato facilita la navigazione e incentiva l’utente all’invio dei dati;
  • aumento delle opportunità di conversione basate sul cost per lead e maggiore competitività dell’offerta pubblicitaria;
  • possibilità di fare retargeting nei confronti di chi ha compilato il form.

Non mancano, tuttavia, gli interessi delle grandi piattaforme che aumentano l’efficacia della loro offerta pubblicitaria, non è più condizionata dalla qualità del sito degli inserzionisti. Inoltre, la piattaforma avrà accesso a dati sulle preferenze e sul comportamento dei propri utenti, da utilizzare per ottimizzare il servizio offerto alle aziende. Un’offerta pubblicitaria interna alla piattaforma permette di coinvolgere un numero più ampio di inserzionisti, comprese le aziende che non hanno un sito web.

Come detto inizialmente e come afferma anche William Deming, ingegnere statistico, “senza dati siamo solo altri tizi con un’opinione”. Tuttavia, proprio strumenti come i Lead Generation Ads permettono di mettere le opinioni degli utenti al servizio della conoscenza e generare un patrimonio di dati dal valore economico inestimabile.

 

 

 

Social media e customer service: 3 domande chiave

Un numero sempre maggiore di aziende usa i social media per fare customer service, dato che questi canali permettono una relazione facile e veloce tra brand e clienti. Ecco perché anche le aspettative dei consumatori nei confronti del servizio clienti stanno crescendo e sempre più persone credono basti inviare un tweet al brand per avere la soluzione ad un problema o inviare un messaggio dalla pagina Facebook.

Un argomento, quello del rapporto tra social media e customer service, affrontato anche da un sondaggio del Boston Digital, che ha intervistato 554 persone sul tema del servizio clienti sulle piattaforme social. Ecco alcuni dati emersi.

  1. Perché si seguono le aziende sui social?

 Il sondaggio evidenzia che le persone seguono i brand per ottenere informazioni valide sui prodotti e quindi è importante pubblicare contenuti informativi e capaci di assicurare un buon tasso di engagement. Il terzo motivo è quello di trovare un contenuto interessante o divertente e, quindi, ogni post sui social deve essere pensato per attirare il pubblico.

Infine, i consumatori seguono il brand sui social per essere informati di promozioni ed offerte, che aumentano la propensione dell’utente ad effettuare l’acquisto, soprattutto se l’offerta è pensata esclusivamente per i fan.

  1. Perché l’utente contatta il brand sui social media?

Scoprire le motivazioni per cui un utente si connette con l’azienda sui social media era uno degli obiettivi dello studio. Le risposte più comuni sono fare domande su un prodotto o servizio e risolvere problemi, ma anche dare feedback sull’azienda, i prodotti e i servizi.

In questo ultimo caso, diventa fondamentale la capacità del brand di rispondere in modo veloce e completo al feedback. Tuttavia, non tutte le aziende lo fanno e per questo motivo gli utenti si allontanano dal brand, anche se non è l’unica causa.

  1. Perché gli utenti smettono di seguire un’azienda sui social media?

La domanda che molte aziende si fanno è perché gli utenti smettono di seguirle sui social e in questo caso le risposte più frequentemente date dagli utenti sono un contenuto non pertinente o la mancanza di risposte nei commenti.

Inoltre, è bene ricordare come pubblicare troppo spesso non aiuti, così come condividere contenuti noiosi o non creare una community basata sui valori del brand. Diventa fondamentale saper scegliere con attenzione cosa e come comunicare e decidere da subito quale orientamento dare alla propria strategia.

Come vedi fare customer service sui social media coinvolge diversi aspetti, e tu come ti stai muovendo su Facebook, Instagram, Twitter e le altre piattaforme? Raccontalo nei commenti!