Ecommerce: l’importanza dei segnali di fiducia

I trust signals o segnali di fiducia permettono all’ecommerce di aumentare le vendite e abbassare il tasso di abbandono del carrello. Vediamo quali sono i 3 principali e come utilizzarli.

Come riporta Agenda Digitale, le vendite online sono aumentate significativamente durante la pandemia da COVID-19 e oggi tanti sono gli acquirenti disposti ad acquistare online. Se la crescita del mercato online fa ben sperare, tuttavia questo significa anche aumento della concorrenza.

Per questo l’ecommerce ideale si caratterizza per accuratezza delle foto, navigabilità sul sito web, scelta del font e completezza della scheda prodotto. Inoltre, chi crea un ecommerce deve rispondere a tutti i dubbi del cliente durante il percorso di acquisto online, costellato da tante incertezze. Ecco, quindi, l’importanza dei segnali di fiducia.

Quali sono i principali segnali di fiducia?

Tra i principali segnali di fiducia ci sono:

  • qualità del sito web: il negozio online deve avere un aspetto affidabile e professionale e deve essere pensato per assicurare la migliore navigazione da desktop e mobile;
  • trasparenza: per aumentare le vendite online è fondamentale curare la pagina Chi Siamo, che aumenta la fiducia del cliente nei confronti dell’azienda e del venditore;
  • branding: questa tecnica di marketing ha l’obiettivo di creare l’immagine desiderata nell’azienda nella mente del consumatore ed è di importanza fondamentale anche quando si parla di eCommerce.

Vendere di più, in un contesto ad elevata concorrenza ed altamente competitivo, significa generare fiducia nel cliente e chi progetta un ecommerce deve conoscere i trust signal o segnali di fiducia e inserirli nel sito web.

E-commerce italiano: previsto un +375% nei prossimi 3 anni

L’emergenza COVID-19 fa letteralmente volare l’ecommerce che, secondo un’analisi elaborata da AJ-COM.Net registrerà una crescita del +375% nei prossimi tre anni. Non solo: il network specializzato in campagne di comunicazione, web marketing e social media marketing stima per il 2021 una crescita della web economy pari al 375% rispetto al 2020.

In particolare, se prima del COVID-19 a trainare l’ecommerce era il turismo, con un fatturato pari a 20 miliardi di euro nel 2018, ora dominano il food&beverage con 32,9 miliardi di euro, il marketing con 19,2 miliardi e l’abbigliamento con 16,4 miliardi. Dopo questa particolare top 3 troviamo arredamento, informatica ed elettronica, farmaceutica, wellness & beauty, editoria.

Perché si fanno acquisti online?

Se prima del COVID-19 i motivi che spingevano le persone ad acquistare online erano tre: prezzo vantaggioso, comodità di acquisto e maggiore possibilità di scelta, oggi è il fattore Coronavirus a determinare la volontà di fare acquisti online. In molti casi l’ecommerce trasmette una maggiore sicurezza e permette di evitare lo stress di uscire per fare acquisti.

In altre parole, l’emergenza e il lockdown hanno portato gli italiani a spostarsi sul canale digitale e per questo le aziende digitali e che vendono online cresceranno nel 2021 in modo esponenziale rispetto alle aziende tradizionali. Tanti sono, inoltre, i benefici in termini di opportunità di business e l’impatto sull’occupazione: negli ultimi 12 anni in Italia sono nati oltre un milione di posti di lavoro collegati al

.

Scheda prodotto: come realizzarne una che converta

Quando si scrive la scheda prodotto per l’ecommerce è importante avere in mente i bisogni del consumatore e puntare a coinvolgere e convincere all’acquisto. Per questo è fondamentale prestare attenzione ad ogni elemento della scheda, dalla CTA al titolo.

Tante sono, infatti, le domande che si fa il consumatore quando arriva sulla pagina e il 20% dei mancati acquisti è causato, secondo uno studio sull’ecommerce effettuato da Nielsen, da informazioni mancanti o poco chiare sulla scheda prodotto. Vediamo, allora, i principali elementi da tenere in considerazione per la realizzazione delle schede prodotto del tuo ecommerce.

  1. Il titolo della scheda prodotto

Oltre al nome del prodotto è importante inserire un titolo ad effetto, che convinca il potenziale cliente a leggere tutte le informazioni presenti sulla pagina. Il mio consiglio è evidenziare da subito i benefici del prodotto e servizio e usare i modi più efficaci per descrivere la USP (Unique Selling Proposition) del prodotto, ovvero quello che lo caratterizza.

  1. Il contenuto della scheda prodotto

Ora che hai catturato l’attenzione dell’utente, puoi fortificare la relazione mostrando e descrivendo chiaramente i benefici di quello specifico prodotto, senza dimenticare di utilizzare i dati, i numeri, ma soprattutto le recensioni positive di chi ha già acquistato il prodotto o servizio.

Nel contenuto della scheda è altrettanto importante creare una relazione tra bisogni dell’utente e caratteristiche del prodotto, in modo da evidenziare la differenza rispetto ai competitor.

Se il prodotto è già molto noto, si può usare un elenco puntato al posto del testo tradizionale ed esteso. Molto valide sono anche le caratteristiche parlanti che combinano elemento tecnico e vantaggio per l’utente sempre in forma di elenco puntato.

  1. Gli elementi della scheda prodotto

In questo caso la parola d’ordine è semplificare, facendo attenzione a scrivere frasi brevi, paragrafi poco articolati e usando la sintesi. Una tecnica che uso spesso è la suddivisione dei paragrafi con titoli, per agevolare la lettura soprattutto da smartphone e tablet. Infine, rileggi il tuo testo dopo qualche ora prima di pubblicarlo, in modo da valutare se è comprensibile da tutti o necessita di ulteriori modifiche.

Scheda prodotto: alcuni consigli ulteriori

L’ultimo consiglio quando si tratta di realizzare una scheda prodotto è quello di anticipare nel contenuto tutte le eventuali domande ed obiezioni, trasformando il testo in una descrizione ad alto tasso di conversione. Come fare?

Il miglior modo è conoscere davvero sia il prodotto, sia il pubblico di riferimento per poter descrivere in ogni dettaglio le caratteristiche tecniche, le potenzialità e i vantaggi per il consumatore. Oltre a questo dovrai identificare i possibili punti deboli, anche chiedendo ai clienti esistenti o alla community sui social media cosa vorrebbero migliorare.

Vuoi ancora un consiglio? Non dimenticarti di includere nella scheda prodotto le FAQ, elemento fondamentale così come le recensioni e i social signal, capaci di aumentare la conversione secondo il principio della riprova sociale.

Come vedi, creare schede prodotto efficaci per il tuo ecommerce è un vero e proprio lavoro a tempo pieno da affidare ai professionisti del marketing e della comunicazione. Se vuoi maggiori informazioni contattami, sarò felice di aiutarti a ottimizzare il tuo ecommerce!

 

 

 

Come attirare i visitatori sull’e-commerce e avere successo

E-commerce di successo: cosa non deve mancare? Cominciamo col dire che il 73% degli utenti che visita un sito e-commerce lo abbandona entro due minuti se non riesce a trovare subito quello che cerca.

Per questo nella realizzazione dei siti web è fondamentale creare una struttura e una strategia che attragga, mantenga sul sito e fidelizzi ogni visitatore. Vediamo alcuni consigli utili per attirare i visitatori sull’e-commerce, ma soprattutto mantenere la loro attenzione.

Solo 15 secondi per convincere l’utente a restare

Secondo le ricerche di Tony Haile l’utente medio decide in 15 secondi se continuare a navigare sul sito o chiudere la pagina e di sicuro non ha tempo per cercare prodotti, pulsanti o indicazioni per completare l’ordine nel caso la pagina sia mal organizzata.

È quindi compito del consulente web marketing aiutare le aziende a ottenere l’attenzione dell’utente e accompagnarlo all’acquisto e per ottenere tale obiettivo si lavora a livello di:

  • struttura;
  • grafica, dato che il web design è importante per il 92% degli utenti;
  • contenuto: testi, foto e call to action

Cosa non deve mancare nell’e-commerce di successo

L’utente che visita un sito web sa bene cosa vuole, dato che a guidare la sua scelta sono stati il Title e la Meta description se arriva dai motori di ricerca o il testo di un annuncio su Google o, ancora, un post sui social media.

Per questo la coerenza tra quanto promesso e quanto pubblicato online è fondamentale e anche su questo elemento si basa il Page Rank di Google e degli altri motori di ricerca.

L’obiettivo principale del sito è, quindi, offrire all’utente una pagina chiara e persuasiva che risponda alle sue esigenze e aspettative, dato che un e-commerce di successo è, prima di tutto, un e-commerce usabile.

Elementi necessari all’e-commerce di successo sono, quindi:

  • una valida suddivisione in categorie,
  • la presenza dei breadcrumb o “briciole di pane”
  • la ricerca per filtri
  • il motore di ricerca interno
  • le call to action e gli inviti all’acquisto

Le categorie dell’e-commerce e il menu

Rispetto al passato, quando gli e-commerce avevano menu interminabili in verticale ai lati della pagina web, oggi gli e-commerce usano i menu orizzontali che si aprono al passaggio del mouse e sono strutturati con poche macro categorie e molte sottocategorie.

Questo menu, magari arricchito da elementi grafici, attira il visitatore e lo aiuta a trovare subito ciò che cerca.

I breadcrumb o “briciole di pane”

Questi elementi segnalano all’utente in che punto del sito si trova e qual è il percorso fatto per arrivare ad una determinata pagina e appaiono come una stringa di testo in cui ogni parola è linkata alla pagina di riferimento.

Un valido percorso per l’ecommerce potrebbe essere, ad esempio:

Home Page > Categoria > Sotto Categoria > Prodotto

Motori di ricerca e altre funzionalità utili

Nell’ecommerce di successo non può mancare un motore di ricerca interna, dato che le persone hanno sempre meno tempo e preferiscono digitare direttamente il nome del prodotto. Il segreto per aumentare le vendite è far sì che l’utente trovi tutto subito.

Lo stesso vale per la ricerca per filtri sulla base delle esigenze del visitatore, ad esempio negli e-commerce di abbigliamento si può cercare per tipo di capo, taglia o colore spuntando le informazioni e scremando via via il catalogo di prodotti presenti online.

Call to Action

L’ultimo, ma essenziale elemento da tenere in considerazione per un’e-commerce che vende è l’invito all’azione o Call to Action ovvero i pulsanti Acquista, Metti nel Carrello e altri tipici delle pagine di prodotto. La call to action deve essere chiara, evidente ma soprattutto originale, proprio come fa Chara Ferragni nel blog The Blonde Salad usando il “Be Mine”.

E tu, stai già raggiungendo i tuoi obiettivi di vendita con l’e-commerce? Stai pensando a un restyling del tuo sito per aumentare le conversioni? Raccontalo nei commenti!

.