I nuovi piccoli commercianti sono più forti grazie alle piattaforme ecommerce

Internet ha portato significativi vantaggi ai piccoli negozianti in quanto una presenza intelligente online richiede un investimento decisamente inferiore a quello richiesto da un negozio fisico.

L’unico svantaggio è un’offerta smisurata di prodotti e servizi online e un grande incremento della competizione. Indipendentemente dalla grandezza del business, tutti possono avere successo sul web e acquisire nuovi clienti se seguono una strategia ben definita e personalizzata.

Grande importanza hanno i referral che generano il 65% dei nuovo clienti. Importante anche la presenza sui social media anche se ancora incompresa o trascurata per mancanza di tempo.

Alcune realtà di piccole dimensioni hanno cercato di entrare in relazioni con aziende di dimensione maggiore per offrire servizi complementari in un’area geografica ristretta. Una buona idea ma che richiede un grosso lavoro di networking e spesso il negoziante non ha neanche il tempo per gestire le attività quotidiane.

Altri commercianti cercano di incrementare la frequenza d’acquisto con carte fedeltà e altri strumenti di fidelizzazione sull’esempio di quanto fatto da aziende di caffè e compagnie aeree ma quello che spesso manca è l’infrastruttura necessaria a supportare queste campagne.

Un’ultima possibilità di crescita è incrementare l’AOV (average order value) spingendo il cliente a spendere di più nel momento in cui sta già effettuando un acquisto. Questo si attua di solito con iniziative di up-selling e cross-selling, che rappresentano una grande opportunità per le piccole aziende e i negozianti qualora vengano individuati i prodotti corretti.

Infine per una valida attività di up-selling e cross-selling è necessario individuare fornitori che possono essere facilmente integrati nella piattaforma di ecommerce esistente, dal momento che la maggior parte dei negozianti ha difficoltà nell’affrontare pesanti investimenti nell’espansione della sua infrastruttura ecommerce.

Il mio consiglio per il piccolo commerciante e la PMI è quindi quello di realizzare quanto prima un’infrastruttura ecommerce in grado di ampliare il volume d’affari rivolgendosi anche ai potenziali clienti geograficamente distanti e successivamente avviare un’intensa attività di promozione, fidelizzazione, marketing per incrementare il numero di vendite o l’AOV.

Il tutto valutando con attenzione l’investimento richiesto che, se affrontato per step successivi sulla base dei risultati ottenuti, sarà alla portata di tutti.

Read the English translation here. Continua a leggere

Qualche consiglio di content marketing per ecommerce

Per ottenere un migliore posizionamento su Google, maggiore brand awareness, condivisioni e fidelizzazione del cliente potrebbe bastare un piccolo investimento in content marketing.

Per esempio offrendo accanto al prodotto o servizio in vendita alcuni contenuti che ne descrivano l’utilizzo o che trattino il problema che si vuole risolvere. Ma quali sono nel dettaglio i vantaggi per la tua attività? Vediamoli assieme.

  1. SEO: un contenuto nuovo, utile ed originale permette al sito di posizionarsi meglio sui motori di ricerca. Meglio se il contenuto supera le 400 parole e se chi lo scrive è un vero SEO copywriter con basi di HTML per ottimizzarne la resa.
  2. Fidelizzazione del cliente e condivisione sui social media o sulla newsletter: un buon contenuto una volta creato – ed è questa la parte più difficile – può essere condiviso in molti modi per incrementare la conoscenza del brand e fidelizzare il cliente: social media, content marketing, newsletter… decidi con il tuo consulente web marketing come ottimizzarne il valore.
  3. Conversioni: se un cliente sta cercando un prodotto/servizio in grado di risolvere un problema sicuramente cercherà informazioni in rete. Il mio consiglio? Fornirgliele direttamente sull’ecommerce… un trucco che aumenterà anche il valore percepito del prodotto e quindi le vendite.

Ricordatevi sempre di non scrivere per Google (potreste incorrere nel keyword stuffing) ma scrivete per l’utente che cerca delle risposte a un problema ben definito. Più il vostro contenuto sarà originale e utile più riuscirà a comparire tra i risultati di ricerca del vostro potenziale cliente.

Un’attività tutt’altro che semplice e che richiede l’aiuto di un consulente in grado di analizzare dall’esterno i punti di forza e di debolezza della vostra attività, sottolineando i primi e indicandovi strategie di miglioramento per i secondi.

Read the English translation here. Continua a leggere

Il commercio via mobile è cresciuto del 68% nel 2015

Una recente ricerca condotta da Connexity rivela che il numero degli acquisti fatti tramite un dispositivo mobile nel 2015 è cresciuto del 68%.

La crescita è stata decisamente maggiore rispetto alle previsioni e si deve al ruolo di crescente importanza svolto dallo smartphone, che ha generato un terzo degli acquisti online.

Lo studio ha dimostrato come la crescita abbia riguardato specialmente il periodo natalizio, con il 42% di tutti gli ordini avvenuti. A questo corrisponde un calo degli acquisti fatti via tablet.

La crescita dell’utilizzo di servizi via mobile non ha riguardato però solo l’ecommerce:

  • I servizi bancari sono cresciuti del 106%
  • I servizi governativi dell’82%
  • Le utilities del 64%
  • Le assicurazioni del 53%
  • L’acquisto di alcolici e alimenti del 50%

Chiunque oggi si accinga ad avviare un ecommerce deve quindi rendere l’esperienza intuitiva e semplice non solo dal PC, sempre meno usato, ma anche e soprattutto da smartphone e tablet.

Read the English translation here. Continua a leggere

PMI: quando l’ecommerce aiuta l’export

Magari anche tu stai pensando che l’ecommerce è uno strumento per grandi aziende e che la tua PMI o Startup non possiede le risorse per svilupparne uno. Eppure se rifletti, l’ecommerce è importante anche per te, per ridurre, ad esempio, gli ostacoli di gestione e localizzazione, accrescere la competitività ed esportare i tuoi prodotti a livello globale. Infine, data la crescita degli utenti digitali, si tratta di un mercato in continua espansione. Ti ho convinto?

Ecco allora 4 consigli per un ecommerce che vende anche e soprattutto sui mercati internazionali. Continua a leggere

Vendere di più: alcune strategie di web marketing per ecommerce

Sono sempre più le PMI che aprono un ecommerce e necessitano quindi di adeguate strategie di web marketing per ecommerce. L’apertura di un ecommerce presenta per la PMI difficoltà nelle scelte strategiche e tecnologiche in quanto questa attività incide su processi collaudati e modifica il rapporto con canali commerciali già attivi. Per aumentare la visibilità del nostro sito di ecommerce possiamo utilizzare i seguenti strumenti di web marketing per ecommerce alla portata di tutti.

  1. Apri un blog dedicato al tema del tuo ecommerce

Scrivi scrivi scrivi…questo ottimizzerà il tuo ecommerce lato SEO ma soprattutto fornirà valore ai tuoi visitatori che potranno scoprire i vantaggi di acquistare un determinato prodotto o servizio, la loro storia, le loro caratteristiche.

  1. Scrivi guest post sui blog di settore

L’approccio è simile a quello sopra descritto ma si focalizza sulla blogosfera, in quanto è pieno di blogger alla ricerca di contenuti di alta qualità. Convinci il blogger del fatto che hai qualcosa di interessante da dire per la sua audience e fai in modo che ospiti un tuo articolo con link all’ecommerce sul suo blog.

  1. Dona prodotti da recensire

Questo è un ottimo modo per creare contenuti informativi con back link naturali al tuo ecommerce e, pur costando un po’ di più, può generare ritorni incredibili di lungo periodo in termini di vendite e SEO specialmente se il prodotto ha ottenuto una recensione molto positiva.

  1. Ottimizza il SEO onpage

Investi del tempo nella ricerca delle keyword in modo da scoprire quali termini usano le persone per cercare i tuoi prodotti e assicurati di strutturare i link interni e i contenuti delle pagine in modo che combacino con i termini ricercati. Investire pesantemente nella ricerca e ottimizzazione delle keyword ti porterà vantaggi come l’incremento della site authority e del traffico organico.

  1. Crea e ospita risorse utili

Che si tratti di una guida all’acquisto o di un tutorial per la soluzione di problemi, cerca di offrire risorse utili nei settori di esperienza del tuo brand per aumentare credibilità e affidabilità e quindi incrementare le vendite.

  1. Costruisci una lista per l’email marketing

E’ molto più facile convincere un consumatore esistente all’acquisto piuttosto che cercare di vendere a un prospect. Dando per scontato che hai un programma di fidelizzazione dei cllienti, esiste un livello di affidabilità che deriva dagli acquisti precedenti. Con una lista ottimizzata per l’email marketing puoi letteralmente incentivare le vendite in modo semplice e veloce.

Questi sono solo alcuni consigli di web marketing per ecommerce, ma ne esistono migliaia di altri da studiare sulla base delle caratteristiche del tuo mercato.

Read the English translation here. Continua a leggere