Mobile marketing: come promuovere l’ecommerce nella PMI

Oggi 50 milioni di italiani possiedono uno smartphone e per la PMI è imprescindibile avviare una strategia di mobile marketing accanto alle campagne tradizionali. Ecco dunque qualche consiglio su come procedere, dando per scontato che il sito sia ottimizzato per la navigazione da dispositivi mobile, come smartphone e tablet.

Ottimizzare le email per il mobile marketing

Quasi la metà delle vendite degli ecommerce arriva ormai dalle email aperte da smartphone e tablet, pertanto è necessario investire in questo settore rivolgendosi a un professionista che si occupi di copywriting commerciale, realizzando email promozionali visibili correttamente da tutti i dispositivi e correlate alle applicazioni dedicate.

Traffico diretto

Il traffico diretto è la fonte principale di acquisti via mobile con oltre un terzo delle conversioni, mentre il traffico organico rappresenta il 16%. Quindi per agevolare l’utente che va dritto alla fonte è necessario ottimizzare correttamente la landing page per il mobile.

SEM

Con il 24.8% di conversioni per gli ecommerce generate da attivita SEM sui tablet , si ribadisce l’importanza di questa attività nonostante lo schermo più piccolo e un minor numero di annunci visualizzati. Non va quindi escluso un investimento di tempo e denaro in attività di SEM nella strategia di mobile marketing.

Social

Pur trattandosi solo di una piccola parte nella generazione di vendite e conversioni per gli ecommerce, si tratta di strumenti di web marketing e mobile marketing che portano al rafforzamento dell’engagement tra l’utente e l’azienda e alla sua fidelizzazione.

E’ importante infine non dimenticarsi di integrare la propria strategia di mobile marketing per ecommerce con l’intero piano di marketing della PMI in modo da ottimizzare investimenti e risorse e agevolare il raggiungimento degli obiettivi previsti.

Leggi anche: Consigli per il successo dell’ecommerce nella PMI

Read the English translation here. Continua a leggere

Consiglio per le piccole aziende: come parlare a un’audience multiculturale

Quando Google ha recentemente annunciato il cambiamento negli algoritmi per premiare i siti mobile friendly, questo è servito da monito e richiamo per i piccoli imprenditori più lenti nell’adattarsi alla rivoluzione mobile.

Il cambiamento, definito “Mobilegeddon” ha anche evidenziato il crescente potere del gruppo dei giovani consumatori multiculturali che hanno adottato uno stile di vita che pone al primo posto il mobile. Sfortumaramente molti piccoli imprenditori hanno lottato per raggiungere un’audience multiculturale e lanciare un sito mobile friendly non è sufficiente se i piccoli imprenditori continuano a trattare questi gruppi come cittadini di seconda classe e a usare gli stereotipi nei messaggi di marketing.

C’è un approccio migliore e comicia dalla considerazione di un fatto molto semplice: i consumatori multiculturali stanno trasformando i mainstream attraverso la crescira numerica e un potere d’acquisto senza precedenti. Questo consumatori dovrebbero essere parte integrante degli sforzi di marketing e non un pensiero da lasciare per ultimo.

Il miglior modo per perdere questa opportunità è mantenere lo status quo. Per creare nuovi segmenti di marketing che si adattino a culture diverse è necessario abbandonare i preconcetti. Ecco dunque tre fasi per una comprensione più profonda della cultura del tuo cliente.

Parti con i dati: la raccolta di informazioni sul tuo cliente offrirà degli insight delle sue abitudini. Per esempio gli asiatici preferiscono visitare casinò e utilizzare prodotti e servizi finanziari. Munito di questa informazione puoi creare messaggi specifici per raggiungerli. Quando cominci dai dati il tuo marketing plan si baserà su fatti e non su stereotipi.

Seleziona strategicamente i media: il tuo investimento media dovrebbe raggiungere il maggior numero possibile di clienti potenziali e nel modo più efficace.

Rendi consistente il messaggio: la vecchia scuola per raggiungere un mercato multiculturale si basava sugli stereotipo. Per esempio una campagna di marketing rivolta ad asiatici avrebbe mostrato un bambino che suona il violino mentre una famiglia di quattro generazioni consuma la cena con le bacchette. Questo è non solo imbarazzante ma inefficace, Il marketer multiculturali di successo sanno che il core message deve rimanere lo stesso attraverso i vari segmenti di audience. I consumatori americani di tutte le etnie basano le loro decisioni d’acquisto sulla competitività del prezzo, il valore percepito e i benefit del prodotto. E quando tu basi la tua attività di marketing su stereotipi, stai lavorando con messaggi simili. Per esempio il mondo ha realmente bisogno di un altro ad che mostra una nonna spagnola che osserva una telenovela? No. Ha bisogno di più annunci che vedono una indaffarata donna di classe media che ha bisogno di soluzioni per un problema casalingo. L’ad potrebbe essere in spagnolo, ma questo non significa che deve essere uno stillicidio di stereotipi.

I consumatori multiculturali non sono un pensiero di secondo piano per i piccoli imprenditori. Sono parte integrante di una campagna marketing di successo. Attraverso la creazione di relazioni più stabili e forti con diversi gruppi e l’investimento di messaggi su “ethnic media” potrai raggiungere consumatori di tutte le culture.

Read the English translation here Continua a leggere

Tre modi per coltivare la customer loyalty in un mondo “disloyal”

Il mondo dello shopping omnichannel di oggi è un mondo “disloyal”, è diventato un ambiente ostile quando si tratta di coltivare la customer loyalty.

Abituato ad ottenere quello che vuole, quando vuole e come vuole, il consumatore ha aspettative molto elevate e questo significa che i venditori devono rispondere in modo adeguato per non perdere clienti. La competizione è aumentata con la crescita degli ecommerce e il consumatore è solo a un click da te. Infatti TechCrunch riporta che l’80% degli adulti nel mondo sviluppato oggi possiede uno smartphone e non è mai stato così semplice per il consumatore comparare offerte e rivolgersi a qualcun altro. Sebbene molti brand e retailer hanno fatto enormi passi avanti nell’ottimizzazione del design e dei canali di vendita per un commercio omnichannel, quando si parla di customer retantion le strategie sono ancora indietro. Ecco quindi tre modi in cui i brand e i retailer possono coltivare la customer loyalty, aumentare la customer retention e quindi le vendite.

Loyalty a 360°

Uno dei principali problemi nella relazione cliente/retailer è il ruolo esperenziale del mobile. Mentre molte aziende hanno costruito i loro siti e contenuti mobile-friendly, lo stesso non può dirsi per quanto riguarda le strategie di loyalty. L’influenza del mobile – non solo sul retail ma su tutte le attività quotidiane – sta aumentando e dar vita a un programma di loyalty che lo includa può essere un aspetto critico nelle strategie di retantion del brand.

Modificando le offerte e diffondendo comunicazione attraverso le applicazioni, le aziende hanno l’opportunità di creare relazioni di valore con il device oggi preferito dai consumatori. Molto presto i consumatori utilizzeranno il mobile per la maggior parte delle loro transazioni digitali e diventerà il maggiore dispositivo per le loro esperienze anche fisiche.

I primi ad utilizzare la mobile loyalty saranno in grado di superare i problemi in questa fase educazionale attuale e assicurarsi di avere un programma di loyalty in cui il mobile al primo posto è un must.

Localizzazione, localizzazione, localizzazione

I retailer dovrebbero anche considerare come essere più innovativi nei loro programmi di loyalty per rivolgersi all’acquirente oggi guidato dalla tecnologia. Le caratteristiche di loyalty come l’utilizzo di Apple Passbock o Android Passes, sfruttano la tendenza crescente all’interazione con il cliente ovunque si trovi.

Attraverso la geo-localizzazione del cliente le offerte possono essere adattate aggiungendo l’elemento acquisto d’impulso per premiare la redemption e agire come remainder nel consumatore proponendo l’offerta al momento opportuno.

Il tocco personale

Con 8 milioni di clienti UK che affermano di utilizzare con meno frequenza di un anno fa le loro loyalty cards, i retailer hanno la necessità di differenziarsi nel premiare ed assicurarsi il cliente.

Per fare questo dovrebbero spostare la loro attenzione dal coinvolgere il cliente solo con offerte monetarie, ma adottare un approccio più esperienziale andando oltre la mentalità dello sconto. Questo combinando lo sviluppo di offerte personalizzate con incentivi esperenziali, vincendo così la sfida di una loyalty omnichannel e mantenendo maggiori clienti.

Read the English translation here. Continua a leggere

Come incrementare il coinvolgimento del cliente attraverso il mobile

La battaglia per conquistare il cuore e la mente del consumatore è oggi un campo minato per le imprese. In prima linea c’è il cellulare e i marketers stanno cominciando a comprendere il ruolo chiave che possono giocare nel conquistare i consumatori. Oltre che una tecnologia molto diffusa, il cellulare è uno strumento potente: 4.8 bilioni di persone affermano che il cellulare è a portata di mano per 14 ore al giorno

Ha quindi senso che le aziende stiano cercando dei modi per utilizzare questo piccolo dispositivo portatile per comunicare con i loro clienti. Tuttavia alcuni non stanno utilizzando efficacemente questa tecnologia e rischiano di alienare la loro base clienti spingendola verso competitor più attenti.

Quindi quali misure possono essere adottate per incrementare notevolmente il tasso di risposta? Con una serie di tecnologie a portata di mano, è possibile per i marketer offrire facilmente messaggi personalizzati attraverso canali multipli, messaggi studiati per arrivare al tempo, luogo e con il formato ottimale per stimolare una risposta positiva nel cliente.

Stop Spam

Nessuno vuole ricevere messaggi di marketing irrilevanti siano essi champagne di marketing online, email o SMS. Uno dei più gravi errori che stanno facendo i marketers oggi è spendere bilioni in messaggi non targetizzati o in comunicazioni mobile percepite come spam. La chiave per una più efficiente campagna di marketing e promozione è un miglior targeting oltre che la personalizzazione. Un messaggio povero non solo non raggiungerà l’attenzione del consumatore ma anche genererà una cattiva impressione sul brand, riducendo il database dei potenziali clienti

Luogo corretto, Tempo corretto = Risposta corretta

Già oggi targetizzate gli utenti mobile e offrire una comunicazione rilevante, al momento giusto e adatta al contesto offre ai marketers un nuovo modo per coinvolgere i consumatori attraverso l’invio di offerte e di informazioni al momento giusto, al posto giusto e nel formato corretto. Non solo queste interazioni si trasformano in maggiori vendite, ma anche in una maggiore soddisfazione per il cliente e quindi in fidelizzazione. Le campagne di mobile marketing che si rivolgono a individui basandosi sui loro interessi, caratteristiche demografiche, localizzazione, comportamento e canali di comunicazione hanno un tasso di risposta del 75% superiore a quelle non personalizzate.

Multichannel

Per raggiungere il coinvolgimento via mobile è importante non solo attuare un approccio multichannel ma anche utilizzare il canale più adatto sulla base della comunicazione che deve essere data. Per esempio potrebbe essere più vantaggioso per un retailer inviare offerte via mail, on-the-day-in-store-information attraverso SMS, ecc.. Questo elementi possono essere sfruttati con successo se fanno parte di una strategia di comunicazione end-to-end con un singolo fornitore che può inviare messaggi con opzioni multichannel.

Personalizzazione

E’ inoltre necessario comprendere i gusti del consumatore, cosa gli piace, non gli piace e le preferenze. Alcune di queste possono essere raccolte attraverso il form che autorizza il retailer a mandare informazioni al consumatore, ma per ottenere ulteriori informazioni personali è possibile integrate il messaggio multichannel con i dati dei sistemi CRM per offrire incentivi personalizzati basati sulle abitudini d’acquisto. La misura in cui è possibile creare e usare i big data è senza fine ma la chiave è lavorare con un fornitore che riesca a integrare senza soluzione di continuitài sistemi in modo da offrire un messaggio semplice, rilevante ed efficace.

Contesto

L’ultimo modo di dar vita a queste strategie è la contestualizzazione. Contesto può significare diverse cose per diverse persone con diverse opzioni variabili come ad esempio il tempo e lo spazio. E’ assolutamente possibile per i marketers incrementare il fatturato e l’efficienza operativa pensando in modo diverso a come coinvolgere i clienti via mobile. Con la capacità di coinvolgere il cliente al suo tempo, sfruttando la potenza e l’ubiquità dei telefoni nelle nostre tasche, il marketer ha oggi la possibilità di generare una risposta positiva nel tempo e nel modo più adatto.

Read the English translation here Continua a leggere