Utilizzo degli Emoji nel social media marketing: consigli pratici

Come si usano gli Emoji nel social media marketing? Ecco alcuni consigli

Gli emoji (絵文字?) sono simboli pittografici, simili ad emoticon, divenuti popolari in Giappone a fine degli anni 1990. Il nome deriva da 絵 e(immagine), 文 mo (scrittura) e 字 ji (carattere). (Fonte: Wikipedia)

Oggi ben il 92% della popolazione gli usa all’interno di email, SMS ma anche nei post pubblicati sui social media, tanto che Facebook ha deciso di arricchire anche la tradizionale reazione Mi Piace con nuovi Emoji.

Gli Emoji hanno infatti il vantaggio di permettere all’utente di parlare lo stesso linguaggio dei suoi clienti e rendere il post ancora più accattivante e di più facile condivisione sui social media, quindi perché non usarli nella vostra strategia di social media marketing? Daranno un tocco di vivacità e immediata personalizzazione anche ai messaggi del vostro brand. Non sapete come fare? Ecco alcuni consigli utili per iniziare da subito ad utilizzarli.

#1 Siate sicuri che i vostri Emoji abbiano senso

L’Emoji serve a completare un messaggio ma questo non accade se scegliamo quello sbagliato, con il rischio di spiazzare il lettore e disturbarne la lettura e la comprensione del testo.

#2 Non prendetevi gioco di situazioni serie e delicate

Gli Emoji sono colorati e trendy ma vanno usati con saggezza. Non si possono quindi chiedere opinioni da esprimere con un Emoji, specie se l’argomento è complesso né vanno utilizzati per dare rilevanza a temi di grande importanza e serietà

#3 Evitate le forzature

Gli Emoji rappresentano una semplice estensione delle vostre normali modalità di espressione per cui devono assolutamente essere evitate le forzature. Pensate quindi al vostro utilizzo degli Emoji nel testo e nelle conversazioni sui social media. Aggiungere una faccina sorridente o un cuore corrispondono a messaggi ben precisi e i vostri Emoji devono sempre essere naturali, anche se utilizzati con obiettivi di business. Se non sapete quale usare, forse è perché non sono necessari in quel messaggio. Se un Emoji non vi rappresenta non utilizzatelo.

#4 Rafforzate la comunicazione del brand

Usare un Emoji è un ottimo metodo per dare nuova vita alla solita comunicazione istituzionale ma deve essere attinente al messaggio trasmesso dal brand, per cui probabilmente non utilizzerete l’Emoji dei baci ma più probabilmente il pollice sollevato, l’applauso, la faccina sorridente e altri Emoji più corporate.

#5 Non impazzite

Utilizzare gli Emoji è divertente ma se non ne conoscete l’esatto significato rischiate di impazzire e compromettere la vostra attività di comunicazione online. Soprattutto è bene evitare l’Emoji overload che infastidisce l’utente.

Ecco ora avete alcuni consigli utili anche se l’argomento è veramente ampio. In conclusione Emoji e comunicazione istituzionale possono certamente convivere a patto di rispettare le regole di utilizzo degli stessi. E voi come li utilizzate nella vostra comunicazione sui social media e più in generale online?

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...