8 social media KPI che dovresti monitorare

Molte persone stanno ancora cercando di determinare il successo e l’influenza dei social media e il ROI di questi strumenti.

I CEO e gli imprenditori stanno chiedendo tuttora ai social media manager se l’attività è una perdita di tempo. Dovrebbero dedicare maggiori sforzi e idee ad altre attività di marketing?

Non puoi conoscere l’impatto della tua campagna sul successo complessivo dell’attività di marketing se non misuri attivamente i tuoi sforzi. Prima di bloccare la tua campagna di social media marketing ci sono diversi KPI che dovresti guardare per determinare il social engagement della tua azienda.

Tutti noi sappiano che nessuno vuole supportare un’attività che fa perdere denaro all’azienda. Osservando i giusti KPI la tua azienda sarà capace di aggiustare la startegia sui social media e quindi il budget.

I Social Media KPI che dovresti monitorare regolarmente

Come per tutte le altre attività di marketing e del business, ci sono alcuni KPI che dovresti tracciare per identificare le aree di miglioramento all’interno della tua strategia. Non è possibile settare una campagna e poi dimenticarsi della stessa, ma è necessario misurare continuamente l’efficacia e modificarla quando necessario. Prima di “prendere a calci” il social media marketing, ecco alcuni KPI da controllare per essere sicuri di raggiungere il target desiderato.

Reach

1. Numero di Fan e Follower

Dal momento che avvii una partecipazione attiva sui social media, siano essi Facebook, Twitter, Pinterest, Linkedin o Google + è importante conoscere quanti fan, follower, like, connessioni e persone sono nelle tue cerchie. Questo è un buon indicatore del “reach” dell’azienda. Poi devi lavorare affinchè questo numero continui a crescere settimana dopo settimana, mese dopo mese.

Dall’altro lato devi considerare anche quante persone smettono di seguirti e se sono più di quelle che ti seguono sarà necessario aggiustare la tua strategia. Tutto quello che potresti fare è cambiare la frequenza dei post e anche i contenuti che stai pubblicando assicurandoti che siano sempre in linea con ciò che il tuo target si aspetta di ricevere.

2. Dati Demografici e Location

Chi non ama conoscere la percentuale di maschi e femmine che sono coinvolti nell’attività sui social media. E questa informazione è facilmente disponibile sui Facebook Page Insights e sulle Twitter Ads Analytics. Ma non serve usare i Twitter Ads per accedere a questo dato, tutto quello che devi fare è loggarti su Twitter e cliccare sull’immagine o logo nell’angolo in alto a destra selezionando poi Twitter Ads o Analytics. Una volta avuto accesso alla dashboard è possibile identificare la tua audience su questo social media. I tuoi tweet stanno realmente raggiungendo la tua target audience? Potrebbe essere di no se la maggior parte dei tuoi follower si trova in un Paese diverso da quelli in cui opera la tua azienda. E’ anche interessante notare in che cosa sono interessati i tuoi follower, ci sono una marea di informazioni per rendere ancora più efficace la tua attività sui social media. Inoltre Facebook non identifica solo il genere della tua audience, ma fa un passo avanti suddividendola per gruppi di età. Potresti scoprire che stai raggiungendo un differente gruppo di età o target persona e quindi adattare le tue strategie di marketing di conseguenza.

Engagement

3. Numero di Follower attivi

Non tutti quelli che ti seguono sono follower attivi e questo sfortunatamente capita molto più spesso di quanto tu possa pensare. Un follower è considerato attivo se si è loggato ed ha interagito con la pagina nei precedenti 30 giorni. Un bel software gratuito per identificare i follower inattivi o fake e non avere dati sul loro profilo è MangeFlitter. Richiede pochi secondi e tu puoi eliminare in un batter d’occhio i follower irrilevanti. La tua base di follower deve essere composta da persone influenti che interagiscono attivamente con la tua azienda.

4. Likes and Shares

Uno sguardi veloce per scoprire se la tua audience fa like sui tuoi post è un buon indicatore se il tuo contenuto è attraente o meno per loro. Nessuno condividerà o farà like su un post che non è rilevante per lui e per il suo network. Modificare la tua strategia è l’unico modo per incrementare il bacino d’utenza che i tuoi post possono raggiungere.

5. Commenti

I social media dovrebbero essere un posto in cui le aziende e la loro audience hanno una conversazione a due vie. E i commenti sono un modo per portare avanti questa conversazione. Pertanto non devi dimenticare di rispondere a ciascuno di essi in modo tempestivo in quanto se non rispondi a commenti o domande potresti perdere follower.

6. Menzioni

Qualcuno ti sta menzionando nei sui tweet? E’ un buon modo per i tuoi follower di comunicare con te e condividere I tuoi contenuti. Molto spesso quando le persone ritwittano o condividono il contenuto includono l’azienda o l’autore nel tweet, Questo non solo dà valore al contenuto ma lo rende condiviso all’interno del loro network.

7. Retweet

Qualcuno sta ritwittando il tuo post? Se non accade dovresti considerare di modificare il contenuto e il tono dei tuoi tweet. Più i tuoi tweet verranno ritwittati, più il tuo post incrementerà il suo bacino di visibilità online. Potresti scoprire che statistiche e citazioni hanno maggiore seguito del tweet generico che contiene solo il titolo dell’ultimo articolo del tuo blog. Un modo per incrementare il coinvolgimento è evitare che il contenuto appaia automatico. Non devi postare lo stesso tweet di continuo per un determinato periodo di tempo.

8. Dati di traffico

Quale percentuale di traffico verso il tuo sito web arriva dai social media? Questa è una metrica importante da conoscere e puoi facilmente trovare i dati se usi HubSpot. Tutto quello che devi fare p visitare la sezione del report dedicata alle sorgenti di traffico. Se non ce l’hai puoi usare GaggleAMP per pubblicare i contenuto ed estendete il bacino di utenza dei tuoi post.

 

Read the English translation here.

8 Social Media KPI you should monitor

Many people are still trying to determine the success and influence social media has on their overall return on investment.

CEO’s and business owners are asking their social media managers if social media is a waste of time. Should they put more effort and initiative into another marketing activity?

You won’t know how much of an impact your campaign has on the overall success of your marketing campaign if you’re not actively measuring your efforts.

Before you put a halt on your social media marketing campaign, there are several key performance indicators you should look at to determine the reach and social engagement of your company.

We all know that no one wants to support an activity that’s losing his or her company money. By tracking the right KPI’s, your company will be able to make adjustments to your social media strategy and budget.

Social Media KPI’s You Should be Tracking on a Regular Basis

Just like every other marketing and business activity, there are key performance indicators you should be tracking to identify areas within your strategy that needs improvement.

You cannot just set up a campaign and then forget about it. You continuously need to measure its effectiveness and make changes where necessary.

Before you kick social media marketing to the curb, here’s some KPI’s you should check to ensure you’re effectively reaching the right audience.

Reach

  1. Number of Fans and Followers

Since you started actively engaging and participating on social media; whether it’s Facebook, Twitter, Pinterest, LinkedIn, Google + it’s important to know how many fans, followers, likes, connections, and how many people are in your circles.

This is a good indication of your companies reach. You want to work to ensure that the number continues to grow week after week and month after month.

On the other hand, if you begin to notice that more people are unfollowing you than the number of people who are following you; the red flags should be popping up. If that happens you’ll need to adjust your strategy. All you might have to do is change the frequency of your posts and possibly even the content you’re posting. Make sure that your content is in line with the content your target audience wants to receive.

2. Demographics and Location

Wouldn’t you love to know the percentage of males and females engaging with your company on social media? Of course you would. And that information is easily available within your Facebook Page Insights and Twitter Ads Analytics.

No, you don’t need to use Twitter ads to access this information. All you have to do is login to Twitter and upon clicking on your image or logo in the top right-hand corner select Twitter Ads or Analytics.  Once you’ve finally reached your Twitter analytics dashboard you will be inundated with a tidal wave of information, you can use to identify you’re audience on that social platform.

. This can give you more insight into when you should be posting. Are your tweets effectively reaching your target audience? They might not be if a majority of your audience is located in a different country or time zone.

That’s a lot of information you can use to your advantage to impact your reach and engagement.

Not only does Facebook, identify the gender of your audience, but they also go one step further to break them down into age groups.

Is your target audience among that group? You might find that you’re reaching a different age group and persona on a social network that you weren’t previously targeting through that social platform.

Engagement

3. Number of Active Followers

Not everyone following you is going to be active. Unfortunately, this happens more often than you might think. An active follower is considered to be someone who has logged in and interacted within the past 30 days.

No wants to interact with someone who never logs into their account. A great FREE tool for identifying any individuals that are inactive, are fake, and don’t have a profile image is MangeFlitter. It takes seconds to sign-up and you will be removing any irrelevant followers in no time.

Your following should be made up of a relevant and influential people who actively interact and engage with your company.

4. Likes and Shares

A quick check to see if your audience likes any of your posts is a good indication of whether or not your content is attractive to them.

No one will want to share or like a post that isn’t relevant to them or their network. Changing your strategy is one way to increase the reach your posts have.

5. Comments

Social media should be a place where companies and their audience are having a two-way conversation. And comments are a way to keep the conversation going. Just don’t forget to respond to any comments in a timely manner.

If you go without responding to a comment or question, you might find that those individuals have unfollowed you or unliked you.

  1. Mentions

Is anyone mentioning you in their tweets? It’s a great way for your followers to communicate with you and share your content.

Often times when people retweet or share your content they include the company or author in the tweet. Not only are they giving you credit but your content is then shared with their network. You can easily find your mentions by clicking on the connect tab and then mentions.

If you’re looking for an overall number of mentions from the last couple of months, that number is readily available on your Twitter Analytics section.

7. Retweets

Is anyone retweeting your posts on Twitter? If not, you might want to consider changing the content and tone of your tweets.

The more retweets you have the more reach your posts will have. Increasing the number of people who will see your post. Retweets are also an indication of what types of content and posts your audience likes to see. You might find that statistics and quotes have more traction and reach than a generic tweet containing the title of your latest blog article. One way you can increase engagement is by ensuring that your content doesn’t appear automated. You don’t want to post the same tweet consecutively over a period of time.

8. Traffic Data

This is a huge one. What percentage of the traffic to your website is coming from social media? This is a great metric to know.

You can easily identify this number if you’re using HubSpot. All you have to do is visit the sources section of reports. See if a good chunk of your traffic is coming from social media. If not, you might just have to expand the reach of your posts. Consider using a social media publishing tool like GaggleAMP.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...